Prevenzione della Corruzione
Filtra per anno:


  • Segnalazione illeciti (Whistleblowing) Con comunicato dell'8 febbraio, l'Anac segnala che è ufficialmente online l'applicazione informatica Whistleblowing per l'acquisizione e la gestione, nel rispetto delle garanzie di riservatezza previste dalla normativa vigente, delle segnalazioni di illeciti da parte dei pubblici dipendenti come definiti dalla nuova versione dell'art. 54 bis del d.lgs.165/2001.
    A chi si applica
    Ai fini della disciplina del whistleblowing, per "dipendente pubblico" si intende il dipendente delle amministrazioni pubbliche di cui all'art.1, comma 2, del d.lgs 165/2001, ivi compreso il dipendente di cui all'art. 3, il dipendente di un ente pubblico economico ovvero il dipendente di un ente di diritto privato sottoposto a controllo pubblico ai sensi dell'art. 2359 del codice civile.
    La disciplina del whistleblowing si applica anche ai lavoratori e ai collaboratori delle imprese fornitrici di beni o servizi e che realizzano opere in favore dell’amministrazione pubblica.
    Registrazione delle segnalazioni
    Registrando la segnalazione sul portale Anac, il dipendente otterrà un codice identificativo univoco, "key code", che si dovrà utilizzare per "dialogare" con Anac in modo spersonalizzato e per essere costantemente informato sullo stato di lavorazione della segnalazione inviata. L'Anac, in merito, ricorda al 'segnalante' di conservare con cura il codice identificativo univoco della segnalazione, in quanto, in caso di smarrimento, lo stesso non potrà essere recuperato o duplicato in alcun modo.
    L'utilizzo di un protocollo di crittografia che garantisce il trasferimento di dati riservati, il codice identificativo univoco ottenuto a seguito della segnalazione registrata sul portale Anac consente al segnalante di "dialogare" con l'Autorità in modo anonimo e spersonalizzato. Pertanto il livello di riservatezza è aumentato rispetto alle pregresse modalità di trattamento della segnalazione.
    Per queto si consiglia a coloro che hanno introdotto la propria segnalazione dopo la data di entrata in vigore della legge 179/2017 tramite altri canali (telefono, posta ordinaria, posta elettronica, certificata e non, protocollo generale), di utilizzare esclusivamente la piattaforma informatica.
    D'altronde, l'utilizzo della piattaforma informatica garantisce anche una maggiore celerità di trattazione della segnalazione stessa, a garanzia di una più efficace tutela del whistleblower.
     

    Ultimo aggiornamento: 18/02/2019

  • Prevenzione della Corruzione Normativa:
    art. 10 c. 8 lett) A D.Lgs. 33/2013

    8. Ogni amministrazione ha l'obbligo di pubblicare sul proprio sito istituzionale nella sezione: "Amministrazione trasparente" di cui all'articolo 9:
    a) il Piano triennale per la prevenzione della corruzione

    Delibera ANAC n. 1310/2016

    Occorre pubblicare i seguenti contenuti:
    • Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza
    • Regolamenti per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità (laddove adottati)
    • Relazione del responsabile della prevenzione della corruzione recante i risultati dell’attività svolta (entro il 15 dicembre di ogni anno)
    • Provvedimenti adottati dall'A.N.AC. ed atti di adeguamento a tali provvedimenti in materia di vigilanza e controllo nell'anticorruzione
    • Atti di accertamento delle violazioni delle disposizioni di cui al d.lgs. n. 39/2013


    Ultimo aggiornamento: 27/02/2018

  • Piano triennale per la prevenzione della corruzione - Triennio 2019-2021 Avvelendosi della facoltàsancita dalla delibera del Consiglio dell'Autorità Nazionale Anticorruzione n. 1074 in data 21.11.2018 di approvazione definitiva dell'aggiornamento 2018 PNA la quale, in materia di "Semplificazioni per l'adozione annuale del PTCP" ha previsto quanto segue:"(...) si ritiene che i comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, in ragione delle difficoltà organizzative dovute alla loro ridotta dimensione, e solo nei casi in  nell'anno successivo all'adozione del PTCP non siano intercorsi fatti corruttivi o modifiche organizzative rilevanti, possono provvedere all'adozione del PTCP con modalità semplificate. In tali casi, l'organo di indirizzo politico può adottare un provvedimento con cui, nel dare atto dell'assenza di fatti corruttivi o ipotesi di disfunzioni amministrative significative nel corso dell'ultimo anno, conferma il PTPC già adottato. (...) Rimane ferma la necessità di adottare un nuovo PTCP ogni tre anni, in qun<ato l'art. 1, co. 8 della legge 190/2012 stabilisce la durata triennale di ogni Piano. (...)"
    IL COMUNE DI VALGOGLIO AVVALENDOSI DI QUANTO COSI' DISPOSTO CON DELIBERA DI GIUNTA N. 3/2019 HA PROVVEDUTO A CONFERMARNE LA VALIDITA' ANCHE PER L'ANNO 2019
     

    Ultimo aggiornamento: 04/02/2019