Indicatore di tempestività dei pagamenti
Filtra per anno:


  • Indicatore di tempestività dei pagamenti Tale indicatore è ottenuto elaborando tutte le fatture pagate nel periodo considerato.
    La data di scadenza delle fatture in cui tale data non è stata indicata è calcolata automaticamente il 30' giorno successivo la data di registrazione.
    Secondo quando previsto dal D.P.C.M. 22/09/2014, art. 9, l'indicatore è ottenuto sommando il prodotto tra numero di giorni e importo dovuto di ogni fattura e rapportando tale somma all'importo dei pagamenti di fatture avvenuti nel periodo considerato.

     
    Anno I° trimestre II° trimestre III° trimestre IV° trimestre Media annuale
    2011         -19,95 giorni
    2012         -12,61 giorni
    2013         -2,98 giorni
    2014         -13,22 giorni
    2015 -24,90 giorni -4,66 giorni -22,53 giorni -20,11 giorni -17,72 giorni
    2016 -13,01 giorni -15,64 giorni -26,33 giorni -24,28 giorni -20,12 giorni
    2017 -18,12 giorni -22,56 giorni -23,84 giorni -22,08 giorni -20,95 giorni
    2018 -22,30 giorni -25,44 giorni -24.51 giorni -23,25 giorni -23,52 giorni
    2019 - 29,17 giorni - 19,55 giorni      
    2020          


    Normativa:
    art. 33 D.Lgs. 33/2013

    1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 9-bis, le pubbliche amministrazioni pubblicano, con cadenza annuale, un indicatore dei propri tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi prestazioni professionali e forniture, denominato indicatore annuale di tempestività dei pagamenti, nonchè l'ammontare complessivo dei debiti e il numero delle imprese creditrici. A decorrere dall'anno 2015, con cadenza trimestrale, le pubbliche amministrazioni pubblicano un indicatore, avente il medesimo oggetto, denominato 'indicatore trimestrale di tempestività dei pagamenti, nonchè l'ammontare complessivo dei debiti e il numero delle imprese creditrici. Gli indicatori di cui al presente comma sono elaborati e pubblicati, anche attraverso il ricorso a un portale unico, secondo uno schema tipo e modalita' definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri da adottare sentita la Conferenza unificata. 

    Ultimo aggiornamento: 17/07/2019

  • Ammontare dei debiti  
      I° trimestre II° trimestre III° trimestre IV° trimestre
    Anno fatture   fatture   fatture   fatture  
    2016 debiti             72.576,35  
    creditori             12  
    2017 debiti 10.372,16   3.144,05   34.966,69   90.727,99  
    creditori 10   4   4   43  
    2018 debiti 402,85   0   0   0  
    creditori 4   0   0   0  
    2019 debiti 1.174,54   377,28          
    creditori 4   1          
    2020 debiti                
    creditori                


    Normativa:
    art. 33 D.Lgs. 33/2013

    1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 9-bis, le pubbliche amministrazioni pubblicano, con cadenza annuale, un indicatore dei propri tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi prestazioni professionali e forniture, denominato indicatore annuale di tempestività dei pagamenti, nonchè l'ammontare complessivo dei debiti e il numero delle imprese creditrici. A decorrere dall'anno 2015, con cadenza trimestrale, le pubbliche amministrazioni pubblicano un indicatore, avente il medesimo oggetto, denominato 'indicatore trimestrale di tempestività dei pagamenti, nonchè l'ammontare complessivo dei debiti e il numero delle imprese creditrici. Gli indicatori di cui al presente comma sono elaborati e pubblicati, anche attraverso il ricorso a un portale unico, secondo uno schema tipo e modalita' definiti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri da adottare sentita la Conferenza unificata. 

    Ultimo aggiornamento: 17/07/2019